Monday, 4 October 2010


This is a guest post by Seismic Shock

The BNP’s Robert West runs the Christian Council of Britain, which appears to be a Protestant group. Recently Rev West and the BNP have tried a new tactic to win votes in Norfolk:interrupting a service at St. Faith’s Church.

According to the BNP’s Dave Fleming:

“The Church in general is drifting away from Christianity…and the service at St Faith’s was amateur theatre and lacklustre. We sang some nice hymns, but rousing hymns are not enough to electrify the service. The scripture has to be illustrated and has to come from the heart. The Holy Spirit must move within the congregation. I did not feel any of that in church.”

The BNP is trying to win votes for the upcoming Euro elections amongst British Christians, and has tried to play off anti-Catholic attitudes. The BNP’s Colin Farquhar has previously suggested that the EU is a Catholic plot to destroy the British and Protestant faith, whilst claiming that the Archbishop of Canterbury is merely an ‘agent of Rome’, and saying of ecumenism:

“In my youth .. union with other denominations was inconceivable … Yet the process of ecumenism is centuries old and no surprise to the Roman church, for this baby was conceived in the Vatican. It is part of the Jesuit Counter-Reformation plot to cause the downfall of the Protestant church and to bring the whole world under the domain of the Pope. For the Reformation was such a deadly blow to the apostate ‘Mother Church’ of Rome”

So let’s say there was a political party in Europe, claiming to represent strong Catholic values, that intimidated its nations’ Protestants? What would you imagine the reaction of the BNP to be? Outrage? Protests? A strongly worded statement?

Surely the BNP wouldn’t want to be associated with such people?

Yet the BNP does have ties to the Italian neo-fascist movement Forza Nuova, which was founded by Roberto Fiore. Fiore was a suspect in the Bologna Massacre and was involved in theTerza Posizione Movement. He was also instrumental in setting up the International Third Position alongside Nick Griffin, and runs a language school with links to Griffin’s parents. Fiore also introduced Christian Identity to the British Far Right.

The BNP is portraying itself as a party which represents Protestant British values. Yet the BNP is associated with Italian anti-Protestants. Consider Forza Nuova’s calls for “Waldensians to the stake!” in Rome in 2007.

The Waldensians are members of a religious Protestant movement that has been in Italy since the late twelfth century. Forza Nuova thus not only shamefully intimidate other ethnic and cultural groups such as Gypsies within Italy, but also other Italian religious minorities. And Forza Nuova’s own religious identity is pretty worrying.

Giulio Tam is a fascist lefebvriano priest. Tam praises the Reconquest of Spain, warns of an ‘extraordinary biological explosion’ in Italy, and argues for a stronger Catholicism to combat liberal secularism and Muslims. Giulio Tam has previously held masses by Mussolini’s grave.

He too is a member of Forza Nuova, and recently attended an international fascist rally in Milan:

And here is the BNP’s Simon Darby at the same rally alongside Roberto Fiore:

So what’s going on here?

Let’s take the BNP’s idea for second that it represents Protestant values. Surely most British Protestants, whom the BNP claim to represent, are not happy that the BNP has links to violent anti-Protestants. Does this not concern the BNP’s vicar Rev Robert West, who runs the Christian Council of Britain?

Also, the similarities between symbols used by Forza Nuova and the Christian Council of Britain might bother a few people:


George De Stefano (March 8, 2009)

Forza Nuova poster: anti-drug, anti-immigrant, but pro God, Fatherland and Family

Right-wing extremists Forza Nuova march, and a priest gives the benediction

“The priest’s tunic is just a longer blackshirt.”

That observation about the similarity of ecclesiastic and Fascist attire came from Giulio Tam, a Roman Catholic priest in Italy. Tam showed up in Bergamo last week to bless a rally by Forza Nuova, a violent neofascist party that had just opened a “sede,” or office, in that city. Tam, in his black priestly garb, marched alongside Forza Italia’s leader, Roberto Fiore. He was photographed giving the Roman (Fascist) salute as he marched with Fiore, followed by a hundred or so Forza Nuova militants wearing helmets and brandishing clubs.

According to La Repubblica, Father Tam’s marching companions sang Fascist anthems and shouted threatening slogans. Some even chanted “Sieg heil.”

Tam was proud to be in their company. As he told La Repubblica, “I will always stand at the side of the young people of Forza Nuova. Mussolini is a martyr and I am in favor of his beatification. The Roman salute? The kids asked me to bless them and I performed my function.”

Italian media described Tam as a “lefebvriano,” meaning, that he belongs to the ultra right-wing St. Pius X Society founded by the renegade French priest Marcel Lefebvre.

The convergence of ultra-conservative Pius X adherents and Italian ultra-rightists isn’t exactly a new development. “Traditionalist” Catholics long have openly supported the far right. Tam, for example, celebrates an annual mass at Mussolini’s tomb and regularly attends Forza Nuova meetings. But the “lefebvriano” movement and its reactionary politics have come under heightened scrutiny lately, ever since Joseph Ratzinger aka Pope Benedict XVI announced his intent to lift the longstanding excommunication of four of its leaders, including the notorious Holocaust denier, “Bishop” Richard Williamson.

Williamson has denied that the Third Reich planned to exterminate Europe’s Jews and maintains that “not a single Jew” was killed in the gas chambers.

The pope’s initiative, purportedly undertaken to repair a schism in Roman Catholicism, has blown up in his face, earning him near-universal condemnation. The Vatican was forced to do serious damage control. Williamson and company were told they’d have to recant their Holocaust denial and accept the reforms of Vatican II as preconditions for being re-admitted to the Church. (The Second Vatican Council is a particular bete noire of the lefebvrians; they oppose both its liturgical reforms and its ruling that Jews are not responsible for the death of Jesus.) But Williamson, in particular, doesn’t want to play nice. He’s issued a series of evasive statements, saying he’d retract his views, but only if they were proved wrong.

The Vatican has said that Williamson’s statements to date don’t pass the smell test. But it’s unlikely that Williamson will fully recant; his anti-Semitism and far-right politics seem as intrinsic to him as his British accent.

Whatever headaches Williamson and his colleagues are causing the Vatican, far more alarming is the growing presence and audacity of Forza Nuova. Father Tam’s favorite political party lately has been inflaming anti-immigrant sentiment in Italy. It has called for the “immediate repatriation by force of every foreigner who is not in Italy for work useful to our nation.”

But Forza Nuova doesn’t limit itself to anti-immigrant rhetoric; its bullyboys also physically attack them. And not only immigrants: FN also has it out for leftists and gays, and has assaulted both and vandalized their property and meeting places. At Rome’s gay rights march last year, a bunch of these disgusting thugs threatened marchers with knives.

Forza Nuova, using classic Fascist language, calls for a return to the values of “God, Fatherland and Family.” Its ideology has strong roots in traditionalist Roman Catholicism -- hence the Lefebvre/Pius X connection.

Forza Nuova doesn’t do especially well at the polls. But unimpressive election results don’t mean this group isn’t a threat. The economic, social, and political climate in Italy right now provides opportunities that Fiore and his followers are eager to exploit. The worldwide economic disaster is hitting Italy hard, with rising unemployment and other signs of economic malaise. Immigrants increasingly are scapegoated over conditions for which they bear no responsibility. In a period of right-wing dominance (and weakness of the left), social minorities, such as gays and lesbians, also are stigmatized and attacked as internal threats to the nation.

Moreover, though Forza Nuova originated in northern Italy, it now has offices all over the country, from the far north to Palermo. When I was in Sicily a few years ago, I saw, far too often, its slogans painted in public spaces. My favorite was “Keep Sicily Aryan and Pure,” a stunning combination of the horrific and the ludicrous.

But the Forza Nuova phenomenon isn’t restricted to Italy. Fiore’s noxious gang is only one of a number of similar parties and political formations that have emerged in Europe. FN is a member of the European National Front, the coordinating body of European far right and so-called “Third Positionist” parties and movements.

The British National Party, a far-right group led by Nick Griffin, also belongs to the European National Front. The British daily The Guardian recently revealed that Griffin and Roberto Fiore not only are ideological soul mates; they’re also business partners. The paper reported that CL English Language, a London school that teaches English to foreign students, is run by Fiore, and that the school’s accountants are Nick Griffin’s parents.

Fiore arrived in Britain in October 1980, a 21-year-old fugitive from the Italian police who wanted to question him about the notorious Bologna train station bombing two months earlier, which killed 85 people. He settled in London, where he met Griffin. The two shared an apartment and even ran a travel agency together.

Fiore returned to Italy in 1999. He’d been cleared in the Bologna bombing but found guilty of “subversive association” and sentenced to nine years in prison. That was reduced to five-and-a-half on appeal. But the jail term eventually was “timed out” under Italy's statute of limitation laws, permitting Fiore to return to his homeland.

One of the main aims of this poisonous “flower” is to overturn Italy’s law banning attempts to reconstitute Mussolini’s Fascist party. But as Forza Nuova and other right-wing parties and groups active in Italy today demonstrate, you don’t need a Fascist party to have fascists.

Part of the problem is that Italy, though it prohibits a reconstituted Fascist party, has not dealt with its Fascist past as vigorously and as honestly as Germany has confronted – and unequivocally repudiated -- its Nazi history. If it had, Roberto Fiore’s Forza Nuova would be banned, not marching through the streets giving roman salutes and blessed by Fascist priests.


I first reported on Forza Nuova and their fascist priest Giulio Tam two weeks ago, highlighting their links with the BNP. Last month, Ulster Taig wrote that Tam is a candidate for the Bologna mayoral elections this June.
Now Assemble Anti-Fascista di Bologna reports [any translation errors are the responsibility of Seismic Shock]:

No on legitimises the nofascists of Forza Nuova

Once again, the police in Bologna have allowed a public Forza Nuova speech, on May 28 at 6:30pm, in Piazza Galvani.

It is well-known that militants and leaders of Forza Nuova have distinguished themselves in Italy with violence, beatings, intimidation, attacks, acts of racism, anti-Semitism and sexism.

In Rimini, on September 25th 2007, the Rimini Forza Nuova group was stopped as it was about to make a squadrista (fascist) attack on the social centre Paz. “Violation of the Anti-Terror Law, kidnapping, possession of weapons and material praising the Third Reich …”: these are just some of the allegations involving eleven supporters and members of Forza Nuova di Rimini, including a provincial leader.

In Bologna, November 15 2008, some militants and a provincial leader of Forza Nuova attacked and savagely beat two students and a student returning from a graduation party in Piazza Santo Stefano, just because of their alternative style. One of the three was struck repeatedly in the face while on the ground, and suffered facial fractures and a pocket of blood behind the eye. He was operated upon in the emergency department of the maxillofacial surgery in Bellaria.

We do not need many more examples of the actions of the neo-fascist Forza Nuova, ready to speculate on any topic in order to spread fear and racial hatred.

However, it should be remembered that on December 1 2008, the municipal council of Bologna adopted a motion that calls on the Interior Minister “to outlaw the political movement Forza Nuova, for reconstruction of the Fascist party and for non-compliance with the rules of the Mancino law, as several leaders and activists of Forza Nuova have been involved more than once in incidents of racist and fascist violence (in Bologna, Rimini, Verona and other Italian cities).”

It should be noted that in other Italian cities public authorities have sought to ban demonstrations by neo-fascist parties. Thus, on 18th May 2009, the Venice City Council a motion that calls upon the chief of police not to authorise the Nazi event announced for May 30th by Fiamma Tricolore and Forza Nuova.

It should be remembered that even the Cardinal of Bologna Carlo Caffarra recently condemned racism and anti-Semitism of the mayor candidate of Forza Nuova, Don Giulio Tam, declaring him “incapable of understanding and wanting to understand.”

It should be remembered that on 28th February 2009, Don Giulio Tam performed the Nazi salute during a demonstration of Forza Nuova Bergamo, between rods, tricolour flags, and slogans like “Hang those who leave” and “Sieg Heil”. After that shameful parade, forty-one neo-fascists have been reported as, among other things, advocates for fascism.

Despite these and other relevant considerations, which cannot be held to be sectarian or extremist, the police of Bologna has always assured, in recent months, crowd space for citizen use by the neo-fascist party Forza Nuova.

While an order bans any self-organised demonstrations from using the historic city centre at weekends, whilst ordinary people are forbidden to even sit on the floor, while the use of truncheons against those who disagree is becoming more ‘normal’, the police of Bologna have, under the pretext of elections, authorised in recent months banquets of propaganda which are blatantly racist and xenophobic. There was no complaint for “incitement to racial hatred.”

The rally of Don Giulio Tam disturbs the civil conscience of this city, encourages squadrista deeds of racist and neo-fascists, restricts the personal freedom of many, and makes the area of Piazza Galvani dangerous.

It is unacceptable that this meeting should be authorised by the police of Bologna in opposition to the widespread feeling of this city: a city that rejects anti-Semitism, Islamophobia, homophobia, racism and sexism; a city that – from the Bologna massacre of August 2 1980 to the Uno Bianca gang – has paid a heavy price for the authoritarian policies of neo-fascists and their ilk in the state apparatus.


Archivio storico

A Cremona danneggiata l' auto di un nostalgico. Alla commemorazione presente la figlia di Farinacci

Messa per Mussolini, contestano gli autonomi

L' area presidiata dalle forze dell' ordine. Il vescovo ha vietato di celebrare la funzione a un prete lefevriano

CREMONA - La celebrazione religiosa di ieri nel cimitero di Cremona promossa dalle organizzazioni neofasciste per ricordare Mussolini, giustiziato i l 28 aprile di sessant' anni fa, poteva finire peggio per l' annunciata contromanifestazione degli autonomi. L' imponente schieramento delle forze dell' ordine ha impedito gravi disordini e i contestatori si sono dovuti accontentare di lanciare qualche petardo e danneggiare l' auto di un nostalgico. La cerimonia, come ogni anno, ha voluto commemorare anche Roberto Farinacci, « ras » di Cremona e fedelissimo del Duce, sepolto proprio nel cimitero cittadino e per questo era presente la figlia Adriana. Ad attizzare le polemiche già la vigilia su un quotidiano era comparso il seguente necrologio: « Muoiono gli uomini, non le idee: camerata Benito Mussolini, presente ! I fascisti cremonesi ricordano nel tuo nome i camerati assassinati » . Per evitare incidenti il sindaco Gian Carlo Corada aveva vietato durante la celebrazione l' esposizione di simboli del regime. Verso le ore 16 una ventina di persone, tra simpatizzanti e re duci, compresi alcuni che hanno militato nella Repubblica sociale, si sono ritrovati, tutti in camicia nera, al luogo previsto per la messa di suffragio. La funzione, in un primo tempo, doveva essere celebrata da don Giulio Tam, un prete lefevriano sospeso « adivinis » , cultore delle memorie di Mussolini e vicino ad Alternativa sociale, il partito della nipote del Duce. Ma il vescovo Dante Lafranconi ha posto il veto e così il compito è stato affidato al cappellano del camposanto, don Oreste Mori. La celebrazione si è svolta senza particolari problemi con le forze dell' ordine a blindare tutta l' area. Ma quando sulla tomba di Farinacci e su quella dedicata ai caduti della Rsi sono state deposte corone di fiori, « ricordo dei camerati cremonesi » , ai cancelli si è presentato un gruppo di un centinaio di autonomi cantando cori e slogan antifascisti. Poi sono stati lanciati dei petardi e, come risposta, dopo la benedizione del sacerdote, i nostalgici attraverso un registratore, hanno diffuso le note di " Battaglione M.", uno degli inni più conosciuti del ventennio. Il momento di maggiore tensione più tardi quando, ancora all' interno del cimitero, ha tenuto la commemorazione Arturo Seidenari, 70 anni, figlio di un consigliere del Duce. Alcuni autonomi, armati di bastoni, si sono avvicinati alla sua auto, parcheggiata davanti al cancello, ne hanno divelto gli specchietti, sfondato i vetri e, staccata dalla carrozzeria l' aquila mussoliniana, l' hanno fatta a pezzi. Il gruppetto, per lo più giovani dei centri sociali, si è poi dileguato ma grazie alle telecamere, la polizia è riuscita a fermare e identificare gli autori della bravata che rischiano la denuncia per danneggiamento. L' anziano neofascista, salendo sulla vettura e accendendo il motore, si è però quasi scusato con gli uomini della questura: « Oggi non posso proprio venire a denunciare quanto è successo » . Più tardi a Parma, infatti, lo aspettava un altro raduno di camicie nere. La scheda IL NECROLOGIO Il 28 aprile su un quotidiano è comparso un necrologio in ricordo del Duce: « Muoiono gli uomini, non le idee: camerata Benito Mussolini, presente! I fascisti cremonesi ricordano nel tuo nome i camerati assassinati » IL SINDACO Il sindaco Gian Carlo Corada ha vietato l' esposizione di simboli o immagini fasciste durante la messa. Ieri erano presenti bandiere della Rsi e camicie nere LA MESSA Il vescovo Dante Lafranconi ha proibito al prete lefevriano Giulio Tam, vicino ad Alternativa Sociale, di celebrare messa. Il compito è stato svolto dal cappellano del cimitero

Silla Andrea

Pagina 53
(1 maggio 2005) - Corriere della Sera


Posted on November 15, 2007 by porno

PONTEDERA. Un rosario con tanto di benedizione finale «contro l´invasione islamica», preceduto dall´ inno nazionale italiano. L´ha recitato don Giulio Tam (noto anche per avere pregato contro la costruzione di una moschea) davanti a una cinquantina di simpatizzanti di Forza Nuova, che hanno usato riti e simboli cattolici per la battaglia politica contro gli immigrati, mentre corso Matteotti era presidiato da un centinaio di poliziotti e carabinieri. Il tabernacolo con la Madonna, a pochi metri dalla sede del movimento di estrema destra, è stato la prima sosta del sarcerdote invitato per guidare una fiaccolata che è stata vietata dal questore di Pisa per motivi di ordine pubblico.

Shopping blindato ieri, fin dalle quattro del pomeriggio con il centro presidiato dalle forze dell´ordine fino a notte. I giovani dei centri sociali e altri rappresentanti dell´ estrema sinistra e non solo si sono dati a loro volta appuntamento in città per protestare contro l´iniziativa di Forza Nuova. L´attesa del rosario di don Tam – arrivato poco dopo le 22 – è stata scandita dai cori di circa settanta giovani dei centri sociali e di estrazione e cultura antifascista che hanno contrapposto alle preghiere le parole e le note di "Bella ciao" oltre a slogan.

Alla fine Pontedera ha assistito alle richieste del sacerdote, compresa quella di «aggredire un nemico che cerca di distruggerci». «E´ il rosario quella mitragliatrice da 50 colpi per respingere questa civiltà» ha detto, riferendosi agli islamici, il sarcedote – sotto l´abito talare spuntavano scarpe modello anfibio – che vorrebbe unire rosario e manganello. Marzio Gozzoli, coordinatore di Forza Nuova, ha annunciato una stagione di lotta. Oggi dalle 16 alle 20 si replica e molto probabilmente il centro sarà di nuovo presidiato. Padre Tam terrà una conferenza nella sede del movimento. «La fiaccolata era contro la criminalità e il degrado a Pontedera – ha detto Gozzoli – vogliamo istituire un comitato cittadino per la sicurezza che raccolga anche elementi esterni al nostro movimento». Lo sciogliete le righe del prete ha trovato una città quasi deserta, infreddolita, estranea al rito, pronta a interrogarsi su una serata che lascia molte domande, comprese quelle relative ai costi sociali ed economici per la sicurezza e sugli estremismi che minacciano la convivenza civile.

Sabrina Chiellini



Don Giulio Tam, un abbé lefebvriste ouvertement néo-fasciste
04/03/2009 à 14h53 - mis à jour le 04/03/2009 à 18h14 | 6348 vues | 14 réactions

(Source photos: la Repubblica)

FN (Forza Nuova), parti d'extême-droite neofascista inaugurait le 27 février son nouveau siège à Bergame (Italie). Un beau cortège d'une centaine de personnes, plutôt casquées ou masquées, n'en faisant qu'une: bras droit tendu et main gauche armée. À sa tête, "Don" Giulio Tam, abbé lefebvriste, un habitué du milieu: le 28 avril 2005, à Cremona, c'est lui qui déjà avait été pressenti pour célébrer la messe-hommage organisée par les néo-fascistes en l'honneur du Duce, Benito Mussolini, pour les 60 ans de son assassinat. "Les hommes meurent, pas les idées" disaient alors les participants nostalgiques. Effectivement. Mais même si cet honneur lui avait échappé, ce proche de Mgr Lefebvre n'a jamais cessé, selon La Repubblica, de "cultiver la mémoire de Mussolini" et d'être un sympathisant d'Alternativa Sociale (puis Azione Sociale) de la petite fille du Duce, Alessandra.

Un prêtre en chemise noire. "Et le prêtre bénit les compagnons de route* avec un salut romain" écrivait encore La Repubblica ce matin, relatant le cortège et ses échaufourrées, mais surtout remarquant la présence de Don Giulio Tam, que le journal décrit comme "menant une troupe para-militaire" peu avare de saluts fascistes dont s'échappe régulièrement le triste et fameux "Sieg Heil!".

Incidents. L'après-midi fut empreint de nombreux heurts avec les "centre sociaux" (généralement plutôt d'extrême-gauche), puis la police. Le tout se clôtura par des incidents en forme de chassé-croisé police/néo-fascistes en plein centre-ville, parfois même au milieu du trafic.

Lefebvriste, ou intégriste, traditionaliste, schismatique,... ? "Monsieur l'Abbé Giulio Tam, membre de la Fraternité Sacerdotale Saint Pie X", ainsi le dénommait Mgr Lefèbvre dans ses derniers écrits du 4 Mars 1991 (quelques jours avant son décès) où il relevait que "Le Pape (nda: Jean-Paul II) lui-même diffuse désormais sans discontinuer les principes d'une fausse religion, qui a pour résultat une apostasie générale". L'abbé est aussi un pourfendeur notoire de l'Islam, qu'il entend attaquer au "rosaire" (qu'il compare à une "mitrailleuse lourde calibre 50"), et ses sympathies pour Alessandra Mussolini ou "Forza Nuova", dont les slogans se rapprochent de ceux du "FN" français ("Maison et travail aux Italiens", etc) ont clarifié depuis longtemps sa position. On a aussi remarqué qu'il porte parfois des chaussures de militaire sous sa soutane...

Du Vatican, silence, pour l'instant? Benoit XVI travaille depuis 20 ans à la « réconciliation interne au sein de l’Église ». Ce sont d'ailleurs les termes qu'il employa pour justifier la récente libéralisation (ou retour) de la messe en latin. Un prélude à la réintégration progressive et complète de tous les Lefebvristes? C'était déjà le cardinal Ratzinger, alors "préfet de la congrégation pour la doctrine de la foi" (l'ancienne Inquisition), qui négociait en 1987 avec Mgr Lefebvre pour réintégrer ces brebis égarées. C'est ce dernier qui fit échouer le possible accord au dernier moment, et pas le cardinal, qui appelait à la nomination d'un visiteur apostolique comme médiateur: "Il sera demandé à ce visiteur de recueillir des éléments d’information susceptibles de définir les termes d’une régularisation canonique de la Fraternité Sacerdotale Saint-Pie X (...) Le visiteur apostolique aura à répondre directement devant le Saint-Père de l’accomplissement de sa mission. Pour favoriser l’issue de cette mission, il a été convenu qu’une nécessaire réserve serait respectée au sujet de cette affaire."

L'abbé Tam a Chieti avec "FN" (29 Mars 2008)

Négationnisme. La "Fraternité Sacerdotale Saint Pie X", maison-mère du mouvement lefebvriste, avait, elle récemment pris les distances avec l'évêque négationniste Williamson...

Et pendant ce temps-là... "Milano, stazione centrale, binario 21".
À la gare centrale de Milan (un monumental hommage au fascisme realisé par Mussolini), des jeunes interrogent les passants: "Savez-vous ce qu'est le quai n°21?". Non, personne ne le sait. le 30 janvier 1944 en partait un convoi pour Auschwitz. Plus de 600 personnes dont 40 enfants, juifs. Plus de 500 d'entre eux étaient déjà morts 1 semaine après: La république de Salò, siège de la République sociale italienne (derniers avatar du fascisme) en fit partir des convois de la mort jusqu'en mai 1944. Une équipe, quasi-exclusivement composée de descendants de déportés y tourne actuellement un film pour ne pas l'oublier. Le temps passe, les témoins disparaissent, il y a urgence à raconter des histoires honteuses qui n'auront bientôt plus de témoins s'il fallait attendre l'autorisation de pouvoir en parler.

Les hommes meurent, mais pas la mémoire.

* "Camerati": de "cameràta", généralement traduit par "compagnon de route", nom que se donnaient les membres du parti fasciste. Vient de "chambrée" ou "cercle" (membre de).

Aglio E Cipolla

Sources : La Repubblica (Milano)



by TAKKINO Saturday, Feb. 05, 2005 at 10:12 PM mail:

«An vada a ripetizione di storia» Parla Don Giulio Tam, nipote di Angela Tam, suora fucilata dai partigiani LEO SIEGEL

Dalla tasca estrae un'immaginetta sacra. Su un lato, il volto dolce di una donna di mezza età, le date 16 novembre 1906 - 6 maggio 1945, ed il nome Angela Maria Tam. Sull'altro lato, queste parole: «Muoio perdonando a tutti e chiedendo perdono se ho offeso o disgustato qualcuno. Sono lieta di raggiungere in cielo i nostri eroi. Sarà così bello il cielo! Ho cantato tutto il viaggio le canzonidella Santa Vergine. Ho passato in prigione ore di raccoglimento e di vicinanza a Dio. Viva l'Italia! Gesù la benedica e la riconduca all'amore, all'unità, per il nostro sacrificio. Amen».

Un testamento spirituale prima di cadere in quel di Sondrio, a Buglio in Monte, sotto il piombo di un plotone d'esecuzione partigiano.

La colpa di questa ausiliaria, Terziaria Domenicana? L'iscrizione al Pnf. Davanti a noi, vestita come i preti di una volta, la figura massiccia da valligiano valtellinese di Giulio Tam, nipote della vittima. Appartiene alla Chiesa lefebvriana, si definisce gesuita itinerante, è un cappellano dei gruppi di destra. Non fa mistero del suo tradizionalismo che lo porta a controbattere pesantemente le parole di Gianfranco Fini, ritenuta un'offesa alla memoria di quanti, come sua zia, immolarono la propria vita, ed un oltraggio alla verità storica.

«Fini sta cedendo al liberismo che ha smantellato la nostra civiltà cristiana», accusa. «Si è venduto rinnegando la tradizione, la terza via che superava liberalismo e comunismo. Con lui Alleanza nazionale esce dal solco della destra, tradisce la memoria, e per certi versi scavalca perfino le posizioni della sinistra. Cos'altro significa, infatti, invocare il diritto di voto per gli immigrati di altri continenti e caldeggiare l'ingresso della Turchia islamica in Europa?». La sua è una voce minoritaria, nella Chiesa attuale.

«Io parlo con i fatti. Il fascismo fu portatore anche di modernità, Mussolini pur nel contesto di un regime diede messaggi di libertà e spiritualità che il Vaticano dovrebbe ricordare. Ne cito un paio. Il 10 marzo 1929 affermava: "La pace tra il Quirinale e il Vaticano è un evento di portata suprema, non solo in Italia, ma nel mondo. Abbiamo riconosciuto lealmente la sovranità della Santa Sede non solo perché esisteva nel fatto, non solo per la quasi irrilevante esiguità del terreno (esiguità che non toglie nulla alla sua grandezza d'altra natura) ma per la convinzione che il Sommo Capo di una religione universale non può essere suddito di alcun Stato, pena il declino della cattolicità che significa universalità". E poi, il 14 novembre 1934 sentenziava: "L'uomo economico non esiste: esiste l'uomo integrale che è politico, che è economico, che è religioso, che è santo, che è guerriero". Parole che pure i vostri lettori credo possano sostanzialmente condividere».

Fini, ormai più antifascista verbale di chi lo fu con le armi in pugno, insiste: per lui il Ventennio fu il male supremo.

«Vada a leggersi i regi decreti che riformarono lo stato sociale. Tutela del lavoro femminile e dei fanciulli; assistenza ospedaliera per i poveri; assicurazioni contro disoccupazione, invalidità e vecchiaia assistenza bambini illegittimi e abbandonati esenzioni tributarie per famiglie numerose; opera nazionale orfani di guerra; Inail Inps, libretto di lavoro; assicurazione obbligatoria contro malattie professionali; assegni famigliari; Inam; tessera sanitaria per addetti ai lavori domestici; casse rurali e artigiane. E così via. Vedi, io queste cose le ricordo nelle mie prediche, e molti disinformati cascano dalle nuvole».

La storia la scrivono i vincitori; ieri come oggi.

«Già , i vincitori fotografati a Yalta: Churchill, Roosevelt e Stalin insieme. Bella roba. Che società ci hanno portato? E quale civiltà? Quella del relativismo, per cui tanto è uguale, e quindi possibile, comprese idee e religioni?»

Stare nel coro, paga, la certificazione marxista è ambita pure da Fini.

«Io invece apprezzo tantissimo le battaglie della Lega contro l'immigrazione clandestina che voi chiamate giustamente invasione, e per il rispetto della tradizione. Custodisco tanti ritagli della Padania che stanno meritoriamente approfondendo questi temi. La Lega continui ad avvicinarsi ai pilastri della nostra civiltà cristiana, ci difenda anche in Europa dove la confusione è crescente, colpa del Concilio Vaticano II che i cattolici tradizionalisti non possono condividere. E grazie anche a Bossi, il quale dall'alto della sua carica ministeriale ha avuto il coraggio di denunciare certi guasti e dichiarare verità scomode ma solari. Ricordo le sue interviste alla Stampa e Repubbliche di novembre, sono state esemplari».



Chi è don Giulio Tam, il Williamson italiano

Venerdì 06 Marzo 2009 01:59 Paola Bonatelli
| Stampa |
il Manifesto, 5 marzo 2009


IL PERSONAGGIO - Messe per la Rsi e comizi

Se la Santa Sede ha avuto il suo daffare con Richard Williamson, il vescovo lefebvriano che Benedetto XVI ha riabilitato per poi "scoprire" che è un negazionista, cosa dirà di questo "padre" Giulio Maria Tam che partecipa con Roberto Fiore al corteo di Forza Nuova a Bergamo? Certo il soggetto, dopo aver militato in Alleanza Cattolica, l'associazione ispirata ad una delle formazioni integraliste cattoliche più potenti (e pericolose), la brasiliana Tfp-Tradizione, Famiglia e Proprietà, è entrato in seminario a Ecöne (fondato da Lefebvre) e lì ha preso i voti. Quindi in pratica non è neanche un prete vero, o almeno non del tutto. Nel 2000, dopo vari anni di peregrinazioni attraverso il pianeta spesi a portare il messaggio dei nostalgici della battaglia di Lepanto, è riuscito a farsi buttar fuori persino dalla Fraternità di san Pio X, era troppo nero anche per loro.

A sua discolpa si potrebbe portare il fatto di essere nipote di Angela Maria Tam, terziaria domenicana e ausiliaria della Repubblica di Salò, fucilata dai partigiani alla fine della guerra. Comunque, nonostante tutto, Giulio Maria continua a dir messa, preconciliare naturalmente, e a fare anche di peggio. Su di lui ci sono paginate di Google, che rimandano sia ad interessanti cronache di iniziative a cui il Tam ha partecipato che ad illuminanti video che circolano su You Tube. Il nostro viene immortalato mentre partecipa ai convegni di Forza Nuova, dice messa intonando "Il canto del legionario" in diverse occasioni - dalla commemorazione dei caduti della Repubblica sociale (Rometta, Messina, agosto 2007) alle cerimonie in ricordo della quarantina di militi fucilati a Rovetta dai partigiani nel 1945 - e arringa "il popolo" nei comizi elettorali sempre per Forza Nuova (Chieti, 29 marzo 2008).

Non è un negazionista, o almeno non tratta questo tipo di temi. La sua virulenta battaglia è tutta contro l'Islam e i liberal-comunisti, ossia i laici liberali e gli atei marxisti, che hanno distrutto i valori della civiltà cristiana, permettendo che leggi come quelle sul divorzio e sull'aborto minassero la famiglia naturale, composta da uomo e donna. Per non parlare dell'omosessualità e della pretesa dei gay di adottare bambini, una mostruosità concessa in Spagna dal centrosinistra e in Olanda dal centrodestra. Non c'è da stupirsi, dunque, se Giulio Maria Tam va a braccetto coi forzanovisti alle manifestazioni. Quello è il suo ambiente di riferimento, gli otto comandamenti di Forza Nuova - tra cui lotta all'aborto, lotta a favore della famiglia, lotta all'immigrazione, ristabilimento del cattolicesimo come religione di stato - sono diventati anche i suoi. Del resto, come dimostrano le recenti vicende legate non solo al vescovo Williamson ma anche a "don" Floriano Abrahamovicz, altro religioso che ha fatto scandalo con le sue dichiarazioni sulle camere a gas naziste, l'ambiente del tradizionalismo cattolico e dei suoi legami con l'estrema destra e, al Nord, anche con la Lega, è un mondo ancora in parte da scoprire. Il guaio è che, a parte i Tam di turno con i loro proclami al limite della legalità, dove amministra la Lega accade spesso che gli integralisti cattolici accedano a cospicui finanziamenti per iniziative di dubbio gusto e utilità. Per fare un esempio, a Verona succede per una manifestazione spacciata come storica, la rivisitazione delle Pasque Veronesi, sommossa antinapoleonica del 1797. Organizzata da gruppi tradizionalisti locali, l'iniziativa ha visto negli anni scorsi la presenza del fior fiore non solo dei nostalgici delle Crociate ma anche dei neonazisti. Con la pretesa di occupare le piazze il 25 aprile, giorno per loro dedicato a san Marco.


Coltano, la messa del prete di Forza Nuova ‘Contro gli immigrati serve una crociata’

Don Giulio Maria Tam

A fine cerimonia, perfino Pietro Ciabattini, che dal 1996 insieme a un plotoncino di anziani ex repubblichini organizza la commemorazione del campo di prigionia alleato a Coltano, mette le mani avanti: «Delle cose che dice questo prete io non condivido quasi nulla». Nessun incidente fra giovani hard-right di Forza Nuova e antifascisti ieri mattina nella tenuta a un passo da Camp Derby a Pisa.

Sotto i pini e ai bordi del campo che dal luglio al settembre del 1945 ospitò 35mila prigionieri italiani e tedeschi, insieme a un goccio di libeccio, si aggirano sussurri e sguardi imbarazzati. Le invettive contro i gay, l’ ossessione per «l’ invasione islamica» e gli inviti a «intraprendere una nuova crociata contro gli sbarchi di immigrati che minacciano le radici giudaico-cristiane dell’ Europa» che don Giulio Maria Tam distilla alla sua sparuta platea piacciono soprattutto alle falangi locali di Roberto Fiore, una quindicina di ventenni educati a un repertorio di braccia tese, «boia chi molla» e sentimenti antisemiti.

Padre lefebvriano scomunicato a divinis, già candidato da FN a sindaco di Bologna e immortalato a Bergamo mentre benediceva con un saluto romano una testuggine armata di caschi neri e mazze tricolori, don Tam sfodera un armamentario a cui il gruppo di ex Rsi ed ex combattenti non era abituato. Va bene che per i reduci di Salò e loro simpatizzanti il campo di Coltano era un «lager» anche se gli storici lo definiscono solo uno dei tanti centri di prigionia angloamericani da cui, fra l’ altro, i reclusi furono quasi tutti liberati.

Vanno bene la messa in latino, in stile preconciliare, e pure le stilettate allo «stato liberale e comunista», l’ esaltazione di Mussolini («l’ uomo della provvidenza»), ma le «cinquanta ave marie da recitare ogni giorno come i cinquanta colpi di mitragliatrice che servono per fare una di quelle Crociate di cui ora la Chiesa si vergogna» sono quasi troppo anche peri «camerati».

«Ma dove l’ hai trovato questo parroco?», chiede un uomo in camicia nera a Ciabattini. «Non lo so», risponde l’ ex Ss che a Coltano passò due mesi e della sua esperienza ne ha fatto un best seller per nostalgici del Ventennio. Sedato dalla presenza di 100 agenti di poliziae carabinieri, l’ allarme lanciato dalla rete antifascista toscana per la presenza del sacerdote valtellinese è un flop di cuori neri. Una cinquantina i reduci davanti al cippo commemorativo e una cinquantina i contestatori a 500 metri di distanza in presidio contro don Tam il “mattatore”.

Lui che ha rivisitato l’ abito talare («La tonaca è soltanto una camicia nera più lunga», sentenziò in un’ ospitata forzanovista) è arrivato a Pisa grazie ai legami col partito di Fiore. A chi lo chiama il Williamson italiano, facendo riferimento al vescovo negazionista, risponde: «L’ Olocausto? Non posso esprimermi, è vietato. E poi dicono che c’ è la libertà della scienza storica…». Una risposta ce l’ ha la rete antifascista pisana: «Tam e iniziative come quelle dei nostalgici di Salò a Coltano sono una minaccia per la democrazia».


Don Tam con il segretario di Forza Nuova Correggiari

Il caso

L'anatema del cardinale su don Tam:

«Incapace di intendere e di volere»

Caffarra durissimo sul sacerdote candidato di Forza Nuova. Il lefevbriano: mi meravigliano i toni usati dall'arcivescovo

Una censura senza appello quella del cardinale Carlo Caffarra nei confronti di don Giulio Tam, il sacerdote lefevbriano candidato sindaco da Forza Nuova. «Per applicare una pena — attacca l’arcivescovo, a cui il Tpo due giorni fa aveva chiesto di dissociarsi dal prete — il reo deve essere capace di intendere e di volere. E quella persona non lo è, altrimenti non direbbe ciò che dice». Riferimento alla posizione negazionista di Tam che, secondo Caffarra, non appartiene però alla Chiesa, «noi non c’entriamo, non ha nulla a che fare con la Chiesa cattolica». L’attacco dell’arcivescovo arriva a margine del convegno sul lavoro della Cisl.

LA REPLICA - Pronta la replica dello stesso sacerdote valtellinese, che in serata partecipava a un convegno di Forza Nuova su Islam e immigrazione: «Mi meraviglio che il cardinale Caffarra usi questi termini — dice —, mi meraviglio che possa dire che una persona laureata all’università Cattolica di Milano in filosofia, studioso di teologia e ordinato sacerdote nell’80 possa essere una persona incapace di intendere e di volere». Un botta e risposta rovente. Su cui piomba la dichiarazione diplomatica del vicesegretario nazionale di Forza Nuova Gianni Correggiari, in corsa per la presidenza della Provincia. «Il cardinale, persona di grande valore e intelligenza, è stato fuorviato — dichiara —, sono stati quelli del Tpo, gente filoabortista e per la droga libera che deve essere appena uscita da una fumeria d’oppio per attribuire certe affermazioni a padre Tam. Correggiari spiega che «padre Tam non ha mai dichiarato di essere contro i Giudei, si è solo limitato ad elogiare il vescovo Richard Williamson (uno dei teorici del negazionismo, ndr), in quanto lo conosce personalmente ed è stato suo professore di teologia». E chiarisce che Tam non ha bisogno di nulla osta per partecipare alla corsa elettorale, «non è in comunione perfetta con la Chiesa, è un prete cattolico dissidente, quindi non è sottoposta ad alcuna giurisdizione vescovile». Il convegno anti-Islam di ieri sera si è svolto in modo tranquillo. Un centinaio i partecipanti, per la metà giovani sotto i 40 anni. Circa un mese fa Tam aveva annunciato la sua candidatura a sindaco di Bologna per Forza Nuova, per la quale devono essere raccolte 350 firme entro l’8 maggio.

Marina Amaduzzi
Alessandro Mantovani



Dice messa per Mussolini e corre alle Europee con la nipote Alessandra. «Rosario e manganello» il suo motto anti-Islam

«E adesso per gli islamici / adesso arriva il bello / Rosario e manganello! / Rosario e manganello!». Se la gode, Giulio Maria Tam, il «prete» che dice messa per Benito Mussolini e si candida alle Europee con sua nipote Alessandra, a veder l' effetto che fa canticchiando sull' aria di Papaveri e papere la sua canzonetta catto-fascista: «E' bella o no?». Ride. Fa l' occhiolino. Appioppa una pacca sulle spalle da stendere un bue. E riparte sull' aria di Aveva un bavero con un' altra strofetta delle sue: «Lui col turbante color zafferano / lei col chador color ciclamino / fin dalla Mecca a Lodi e a Milano / per conquistare la nostra società!». Zia Angela Maria, a vederlo, sarebbe proprio orgogliosa. Terziaria domenicana, aveva dedicato la vita a Dio e al Duce, faceva l' ausiliaria nella Repubblica di Salò e venne fucilata alla fine della guerra («senza processo») dai partigiani. Così come vennero fucilati parte dei suoi «eroi». Preti neri come don Gino Artini, don Angelo Baroni, fra Galdino, don Alberico Manetti, don Antonio Bruzzesi, fra Ginepro da Pompeiana. O don Ettore Civati, centurione della Milizia, volontario in Albania, podestà in Valtellina e fascista così fascista da finire spretato e diventare funzionario del Minculpop. O su tutti don Tullio Calcagno, il prete scismatico che teorizzò una sua idea di cattolicesimo fascista, diede vita alla rivista Crociata italica, finì sospeso a divinis e scomunicato ed arrivò a un punto tale di rottura con la Chiesa che, davanti al plotone di esecuzione, rifiutò perfino il conforto di un sacerdote. Anche lui, «don» Giulio Maria Tam, in realtà non è «don». Non lo è mai stato. Figlio di un impiegato comunale democristiano, mamma democristiana, un fratello più o meno leghista, un altro deputato alla Regione Lombardia per i Democratici di Sinistra tra i quali è finito con i cristiano-sociali di Pierre Carniti, altri due vagamente di centrodestra, è diventato fascista quando aveva quindici anni ed era già avviato a diventare un colosso di quasi due metri con le spalle a due ante e le mani enormi. Attivista di Alleanza Cattolica, vedeva la Chiesa conciliare come una banda di mollaccioni senza spina dorsale. Va da sé che, quando lo Spirito Santo lo chiamò, lui avvertì la chiamata come un mussoliniano monito: «a noi!». E si andò a rinchiudere nel seminario di Ecône fondato dal vescovo Marcel Lefebvre. Presi i voti (scismatici) nel 1980, ha girato mezzo mondo come missionario dei cattolici ultra-tradizionalisti nemici del Concilio Ecumenico Vaticano II: due anni in Italia, due in Svizzera, due in Messico, due in Spagna, due in Francia... Sempre più duro, sempre più nero. Al punto che quando nel 2000 avvenne il tentativo di un riavvicinamento tra gli eredi del monsignore ultra-tradizionalista e la Chiesa, lui si oppose con tale cocciutaggine da essere buttato fuori dalla Fraternità: era troppo estremista anche per loro. E adesso? «Ho un piccolo priorato a casa mia». Nonostante la sospensione a divinis e la scomunica? «Sono un disobbediente, ma la mia messa è valida. Il problema disciplinare non tocca il valore del sacerdozio. Disobbediente, poi... Disobbediente a chi?». Per lui è il Papa, ilverodisobbediente: «Disobbedisce a tutti i papi che l' hanno preceduto. Tranne Giovanni XXIII, Paolo VI e Giovanni Paolo I, s' intende. Quei modernisti. Liberté, egalité, fraternité: ecco dov' è la radice del male». Nella Rivoluzione Francese? «Ovvio: nella Rivoluzione Francese! Il problema è il relativismo etico. Dal divorzio passi all' aborto, dall' aborto all' eutanasia, dall' eutanasia all' omicidio...». Non starà esagerando? «Per niente: col relativismo sai dove cominci ma non dove finisci. Se tutto è relativo anche l' omicidio può starci». E non andategli a dire che questo Papa tutto pare meno che modernista: «Chi? Karol Wojtyla? Scherziamo? Qualche pseudo-restaurazione c' è stata. Ma solo per gettare polvere negli occhi. Basta guardare Ratzinger». Non dirà che è un progressista! «Si è travestito da tradizionalista per fare meglio la sua parte. Lui è la quinta colonna dei modernisti! La quinta colonna!». I camerati, figurarsi, per lui stravedono. Tanto più da quando ha cominciato a dire in giro, più o meno scherzosamente, che per lui la tonaca «è una camicia nera XXL lunga fino al calcagno». Generoso, si dà a tutti. Celebra messe solenni per l' anima del Capoccione a Predappio. Benedice i fez e i gagliardetti. Si fa fotografare mentre sventola il tricolore nella versione di Salò o addirittura mentre leva il braccio nel saluto romano. Come facevano i preti fascisti che in piazza Venezia, sotto gli occhi del Duce, furono immortalati in una celebre copertina della Domenica del Corriere. Mai un dubbio? Mai. E rinfaccia al Papa di avere chiesto «troppe volte scusa» e lo accusa di avere «baciato il Corano» e non gli perdona di aver sospirato sulla violenza delle Crociate e rifiuta l' ecumenismo e rimpiange la chiesa guerriera che teneva in una mano il Vangelo e nell' altra la spada. E se denuncia l' America per avere aggredito l' Iraq «accendendo un incendio in tutto il Medio Oriente», tuona però che «l' Islam è il nemico, l' Islam è l' invasore, l' Islam è il pericolo per tutta la società occidentale ma a un certo punto viva l' Islam, perché man mano che penetra dentro le nostre città e i nostri Paesi ci costringerà a riscoprire la vera fede. E a difenderla con tutti i mezzi». Ridacchia: «Ma se li immagina i comunisti? Cacciati dalla invasione maomettana saranno costretti a chiedere asilo agli Stati Uniti!». Ma basta adesso, è arrivata la grigliata mista. Maiale, pollo, galletto, manzo, salsiccia mista: «Visto che il Signore ci ha dato tutte queste creature, godiamocele!».E affonda la forchetta con l' appetito di chi sa di avere molto da riempire. Le canzoni, per ora, almeno fino al caffè e alla grappa, possono aspettare: «Col pugnale e con la bomba / nella vita del terrore / quando l' obice rimbomba / non mi trema in petto il cuore!». Gian Antonio Stella

Stella Gian Antonio